Vestiti all’estero

Vai a fare shopping a migliaia di chilometri da casa? Qualcuno lo considererà provocatorio, altri chiameranno incoscienza. Ma lo shopping straniero, oltre al piacere di possedere cose belle, è in grado di dare altre sensazioni vivide.

I cacciatori per le cose originali dei loro marchi preferiti vanno a Milano per camminare lungo le boutique alla moda con uno shopper personale, altri vanno a Barcellona per oggetti di decorazione di design, cerchia Londra in cerca di jeans vintage, esplora i punti vendita nei sobborghi di Monaco, Rimini o New York camminano lungo i bazar di Cairo e Bangkok, si precipitano al festival dello shopping a Dubai (a gennaio) o Istanbul (a giugno), dove migliaia di sconti speciali, tutti i tipi di concerti e un trattino in luoghi visitati dai turisti visitati per loro. Tutto questo è stress, ma ne vale la pena.

Caccia eccitante. Schop-Tour è in parte simile a un gioco rischioso ed eccitante in un casinò. Dopotutto, è familiare a ogni turista perdere paura, essere ingannato in qualità o scoprire la stessa cosa che ho acquistato all’estero per meno soldi al momento del ritorno a casa in un negozio vicino. Pertanto, anche i viaggiatori esperti sperimentano in boutiques l’eccitazione e il rilascio di adrenalina. D’altra parte, mostrando la possibilità di contrattare e acquisire cose esclusive a un prezzo favorevole, gli amanti dello shopping aumentano la

Questo è un uovo così piccolo su una gamba flessibile Viagra prezzo in Italia una base petalo piuttosto confortevole per tenerlo. Facilmente cade nella mano e molto vellutato al tatto.

loro auto -testimone. Più una persona acquista, più si sente onnipotente. Ma non dimenticare che le cose sono solo falsi equivalenti di emozioni che ci mancano così: amore, calore, autostima.

(Non) piacere peccaminoso. “Shopping all’estero è un piacere permesso che ci permettiamo di rado”, afferma lo psicoanalista Svetlana Fedorova. – guadagniamo a casa e facciamo gli acquisti se necessario. Durante il viaggio, godiamo delle spese senza rimorso “. Ma al ritorno a casa, questo impulso al consumo può causare colpa: alcuni mostrano acquisti solo ai propri cari;Altri, imbarazzati, affermano che tutto viene acquistato alle vendite o descrivono in dettaglio il loro programma culturale.

Conoscenza corroborante. I bordi alieni ci attraggono sempre. E sono allarmanti. Impegnati nel solito business (acquisti) in un ambiente insolito di un negozio straniero, abbiamo domato l’ignoto e questo aiuta a sentirsi più sicuri. “Sin dai tempi sovietici, abbiamo conservato un’idea: all’estero è tutto migliore, e le persone ci sono alcuni speciali, più felici, alla moda, avanzati”, aggiunge Svetlana Fedorova. – In piedi al botteghino tra i residenti locali, sembriamo diventare uno di loro – lo stesso, come sembra, di successo e libero, cambiamo i confini della nostra identità “.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *